RENDITA CATASTALE DI UN IMMOBILE

COSA E’ LA RENDITA CATASTALE DI UN IMMOBILE?

La rendita catastale di un immobile rappresenta  il reddito fiscale di un immobile. Essa costituisce la base per determinare il valore catastale di un immobile ai fini delle applicazioni di numerose imposte (IMU, imposta sulle successioni e sulle donazioni, imposte ipotecaria e catastale).

La rendita catastale viene determinata considerando due elementi:
a) consistenza dell’immobile che viene definita in base :

1) al numero dei vani catastali per gli immobili appartenenti alle categorie del gruppo A ( abitazioni, castelli, uffici e studi privati ………..).

2 ) alla superficie espressa in metri quadrati gli immobili appartenenti alle categorie del gruppo C (negozi , magazzini, laboratori, stalle, rimesse, autorimesse, tettoie chiuse ed aperte …. ).

3 ) alla volumetria espressa in metri cubi gli immobili appartenenti alle categorie del gruppo B (Collegi, convitti, case di cura , ospedali, prigioni, scuole ……..).

b) tariffa d’estimo determinata dagli uffici del catasto in relazione al comune , alla zona censuaria ove è ubicato l’immobile ed in base alla classe e destinazione d’uso .

Per avere gratuitamente la rendita catastale  di un  immobile censito al Catasto edilizio  l’intestatario del bene immobile deve recarsi agli uffici del catasto con un documento di riconoscimento valido e richiedere la visura per soggetto o nominativo che potrà essere o comunale o provinciale o nazionale a seconda che i beni immobili si trovano tutti in un comune, tutti in una provincia o in più province.

Se si vuole evitare lo stress del traffico e delle code per effettuare una visura catastale presso gli sportelli del catasto si possono richiedere le visure in rete a visura-online.com

Scritto da: Ing. Giuseppe Galoforo

Questa voce è stata pubblicata in news-catasto e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.